Scuola Primaria - Laboratori

Esperienza da scrittore

Il laboratorio di propedeutica alla scrittura creativa “Esperienza da Scrittore” si rivolge ai bambini della scuola primaria – con contenuti ed applicazioni adeguati alla classe di appartenenza

Obiettivi formativi

• Favorire l’acquisizione di un linguaggio fantastico, poetico e ricco di armonia
• Favorire l’acquisizione di una “grammatica della fantasia”, ovvero un bagaglio di strumenti utili per la composizione in prosa e in versi
• Promuovere l’interesse per la scrittura creativa
• Sviluppare la relazione affettiva con l’oggetto libro
• Condurre i bambini nel mondo della lettura e della letteratura fantastica
• Stimolare il gusto dell’ascolto e il piacere della narrazione
• Sviluppare le capacità grafiche e manuali
• Stimolare la formazione di un clima di accoglienza all’interno del gruppo
• Favorire il rispetto e l’accoglienza dell’alterità
• Stimolare la valorizzazione delle differenze individuali
• Facilitare l’espressione e la condivisione delle emozioni
• Agevolare la presa di coscienza e promuovere il potenziamento degli strumenti espressivi di cui si dispone

Finalità e modalità d’intervento
Il laboratorio si propone di sollecitare nei bambini l’interesse per la scrittura creativa, mediante una sperimentazione giocosa, fantasiosa e stimolante della scrittura in prosa e in rima, fantastica o realistica. Nella prima fase del lavoro, in modo ludico, saranno forniti gli strumenti di lavoro: le leggi di Propp per la scrittura in prosa e i giochi letterari con l’uso di omeotelèuti, consonanze, assonanze, onomatopèe, anagrammi, parole bifronte per quella in versi - chiaramente semplificati ed adattati per la facile comprensione da parte dei bambini; nella seconda fase del lavoro, sempre in modo giocoso, gli utenti saranno guidati nella composizione.
A richiesta della scuola, il laboratorio prevede la raccolta delle composizioni in un libro realizzato dai bambini stessi con l’uso di materiale vario.

Durata del Laboratorio: quindici ore.


Carta Canta

 

Il laboratorio di propedeutica alla lettura ad alta voce “Carta Canta” si rivolge ai bambini della scuola primaria – con contenuti ed applicazioni adeguati alla classe di appartenenza.

Obiettivi formativi
• Promuovere l’interesse per la lettura a voce alta
• Educare alla lettura a voce alta, caratterizzata da un uso appropriato della respirazione e della voce, della punteggiatura e della pausa,  del tono, del volume e dell’intensità, del colore, del tempo e del ritmo,  dell’espressione e dell’interpretazione
• Sviluppare la relazione affettiva con l’oggetto libro
• Favorire l’acquisizione di un linguaggio fantastico, poetico e ricco di armonia
• Condurre i bambini nel mondo della lettura e della letteratura fantastica
• Stimolare il gusto dell’ascolto e il piacere della narrazione
• Sviluppare le capacità grafiche e manuali
• Stimolare la formazione di un clima di accoglienza all’interno del gruppo
• Favorire il rispetto e l’accoglienza dell’alterità
• Stimolare la valorizzazione delle differenze individuali
• Facilitare l’espressione e la condivisione delle emozioni
• Agevolare la presa di coscienza e promuovere il potenziamento degli strumenti espressivi di cui si dispone

Finalità e modalità d’intervento
Il laboratorio si propone di sollecitare nei bambini l’interesse per la lettura espressiva, mediante una sperimentazione giocosa, fantasiosa e stimolante della lettura a voce alta.
Condotti nel mondo della lettura animata, i bambini saranno guidati nell’avventura affascinante dell’allestimento di una lettura corale: caratterizzata dalla scelta del luogo <<ideale>> della lettura - rispondente al clima narrativo del racconto - e dal gioco con la voce  (volume, intensità, tono, colore, ritmo, espressione ), con il corpo e con il libro quale oggetto scenico.

Durata del Laboratorio: quindici ore.


Storie golose

Il laboratorio di educazione alimentare “Storie Golose” si rivolge ai bambini della scuola primaria – con contenuti ed applicazioni adeguati alla classe di appartenenza.

Obiettivi formativi
• Presentare ai bambini la piramide alimentare
• Favorire la conoscenza delle caratteristiche nutritive dei vari cibi
• Favorire la conoscenza dei benefici specifici sul corpo umano dei vari gruppi di alimenti
• Educare ad una corretta alimentazione
• Stimolare nei bambini la curiosità per il mondo alimentare
• Fornire l’occasione di un incontro piacevole con il cibo
• Sviluppare le capacità manuali
• Stimolare creatività e osservazione  fantastica del mondo
• Stimolare il gusto dell’ascolto e il piacere della narrazione
• Favorire l’acquisizione di un linguaggio fantastico, poetico e ricco di armonia
• Stimolare la formazione di un clima di accoglienza all’interno del gruppo
• Favorire il rispetto e l’accoglienza dell’alterità
• Stimolare la valorizzazione delle differenze individuali
• Facilitare l’espressione e la condivisione delle emozioni
• Agevolare la presa di coscienza e promuovere il potenziamento degli strumenti espressivi di cui si dispone

Finalità e modalità d’intervento
Il laboratorio si propone di accompagnare i bambini in un viaggio creativo e divertente all’interno del mondo alimentare.
Con l’ausilio del gioco teatrale, la valigia carica di alimenti portata in classe dalla conduttrice si trasformerà in ogni incontro in un micro-teatro. Gli alimenti-personaggi racconteranno tante storie, in prosa e in rima, che i bambini stessi si divertiranno ad animare.
Mediante il contatto tattile, visivo e olfattivo, in modo divertente i bambini esploreranno il mondo alimentare, scoprendo le differenze, le funzioni e i benefici dei vari cibi.

Durata del Laboratorio: quindici ore.


Terra

 

Il laboratorio di educazione ambientale “Terra” si rivolge ai bambini della scuola primaria – con contenuti ed applicazioni adeguati alla classe di appartenenza.

Obiettivi formativi
• Facilitare l’acquisizione della conoscenza degli elementi naturali: aria, acqua, terra e fuoco e delle loro trasformazioni ambientali
• Educare al rispetto dell’ambiente
• Favorire la  conoscenza del proprio corpo e di quello altrui
• Stimolare il gusto dell’ascolto e il piacere della narrazione
• Favorire l’acquisizione di un linguaggio fantastico, poetico e ricco di armonia
• Stimolare la formazione di un clima di accoglienza all’interno del gruppo
• Favorire il rispetto e l’accoglienza dell’alterità
• Stimolare la valorizzazione delle differenze individuali
• Facilitare l’espressione e la condivisione delle emozioni
• Agevolare la presa di coscienza e promuovere il potenziamento degli strumenti espressivi di cui si dispone

Finalità e modalità d’intervento
Mediante la tecnica di espressività corporea detta Mìmesi – ideata dal Maestro Italiano Orazio Costa – i bambini saranno invitati a “diventare” con il loro corpo e con la loro voce acqua, aria, terra, fuoco e godere - nel ritrovamento del proprio posto nel Tutto - del miracolo dell’esistenza. Attraverso la Mìmesi il mondo naturale smette di essere qualcosa che è fuori ed altro da noi, il viaggio all’interno degli elementi che propone permette di riscoprire la nostra appartenenza ad esso e ritrovare nella natura i principi della vitalità ed esprimerli con il nostro corpo. Fare la Mìmesi degli elementi della natura non vuol dire imitare mimicamente gli stessi, ovvero utilizzare gesti e particolari posture del corpo che ne ricostruiscono l’immagine visiva, ma significa penetrare la loro essenza acquisendo con il corpo le caratteristiche specifiche di leggerezza o pesantezza, calore o freddezza, tensione od elasticità, durezza o morbidezza che li contraddistinguono.

Durata del Laboratorio: quindici ore.


Bimbiattori

Il laboratorio di alfabetizzazione teatrale “BimbiAttori” si rivolge ai bambini della scuola primaria – con contenuti ed applicazioni adeguati alla classe di appartenenza.

Obiettivi formativi
• Conoscere e usare al meglio le proprie modalità sensoriali e ideomotorie;
• Organizzare il movimento in modo coordinato in funzione di uno scopo;
• Acquisire capacità espressive nel movimento;
• Acquisire capacità comunicative gestuali;
• Acquisire una buona duttilità intellettiva e motoria;
• Stimolare il gusto dell’ascolto e il piacere della narrazione
• Stimolare il piacere della drammatizzazione
• Favorire l’acquisizione di un linguaggio fantastico, poetico e ricco di armonia
• Stimolare la formazione di un clima di accoglienza all’interno del gruppo
• Favorire il rispetto e l’accoglienza dell’alterità
• Stimolare la valorizzazione delle differenze individuali
• Facilitare l’espressione e la condivisione delle emozioni
• Agevolare la presa di coscienza e promuovere il potenziamento degli strumenti espressivi di cui si dispone

Finalità e modalità d’intervento
A favore dello sviluppo psicologico e cognitivo dei bambini e al fine di far nascere in loro il piacere dell’ascolto e il gusto della rappresentazione colorata dalla personale e originale creatività, il laboratorio si prefigge di accompagnare i bambini nell’esperienza affascinante di un allestimento teatrale: risultato visibile del viaggio divertente e creativo che il percorso propone.

Durata del Laboratorio: quindici ore.


I cacciatori d’ombre

Il laboratorio teatrale “I cacciatori d’ombre” si rivolge ai bambini della scuola primaria – con contenuti ed applicazioni adeguati alla classe di appartenenza.

Obiettivi formativi
• Stimolare creatività e osservazione  fantastica del mondo
• Favorire la  conoscenza del proprio corpo e di quello altrui
• Giocare con le emozioni suscitate dal buio, dalla luce e dall’ombra
• Favorire l’acquisizione di sentimenti di fiducia – in sé e negli altri – e coraggio
• Stimolare il gusto dell’ascolto e il piacere della narrazione
• Sviluppare le capacità manuali
• Favorire l’acquisizione di un linguaggio fantastico, poetico e ricco di armonia
• Stimolare la formazione di un clima di accoglienza all’interno del gruppo
• Favorire il rispetto e l’accoglienza dell’alterità
• Stimolare la valorizzazione delle differenze individuali
• Facilitare l’espressione e la condivisione delle emozioni
• Agevolare la presa di coscienza e promuovere il potenziamento degli strumenti espressivi di cui si dispone

Finalità e modalità d’intervento
Mediante l’uso della tecnica teatrale delle ombre cinesi - ovvero il gioco con il buio, la luce, e l’ ombra: elementi ricchi di fascino e sempre a portata di mano - il laboratorio si propone di stimolare nel bambino un atteggiamento di apertura creativa verso il mondo, al fine di valorizzare le sue capacità inventive ed espressive. Così, mentre l’incontro magico con l’ombra del proprio corpo, con quella dei compagni e degli oggetti che ci circondano favorisce la presa di coscienza del corpo in sé e dello stesso nello spazio, l’incontro con il Signor Buio quale personaggio divertente e spiritoso aiuta il bambino ad instaurare una relazione positiva e creativa con l’oscurità che talvolta l’intimorisce.

Durata del Laboratorio: quindici ore.


Librilibbrosi

 

Il laboratorio  di educazione all’ascolto “Librilibbrosi” si rivolge ai bambini della scuola primaria –  con contenuti ed applicazioni adeguati alla classe di appartenenza.

Obiettivi formativi
• Condurre i bambini nel mondo della lettura e della letteratura fantastica
• Fornire l’occasione di un incontro piacevole con i libri
• Stimolare il gusto dell’ascolto e il piacere della narrazione
• Promuovere l’interesse per la lettura a voce alta
• Avvicinare i bambini ad attività di lettura espressiva ed animata
• Favorire l’acquisizione di un linguaggio fantastico, poetico e ricco di armonia
• Stimolare la formazione di un clima di accoglienza all’interno del gruppo
• Favorire il rispetto e l’accoglienza dell’alterità
• Stimolare la valorizzazione delle differenze individuali
• Facilitare l’espressione e la condivisione delle emozioni
• Agevolare la presa di coscienza e promuovere il potenziamento degli strumenti espressivi di cui si dispone
• Fornire l’occasione di una partecipazione attiva e creativa al patrimonio delle opere prodotte dall’umanità nel corso dei secoli

Finalità e modalità d’intervento
A favore dello sviluppo psicologico e cognitivo dei bambini e al fine di far nascere in loro il piacere dell’ascolto e il gusto della rappresentazione colorata dalla personale e originale creatività, il laboratorio si prefigge di condurre per mano i bambini nel colorato e animato mondo della letteratura fantastica – fiabe, favole e filastrocche - per l’attitudine della stessa a rispondere all’atteggiamento metafisico del bambino, che si interroga sul perché di tutte le cose, ma che non dispone ancora di tutte le categorie razionali che consentono di dare ordine al reale. La letteratura fantastica funge da risposta provvisoria, fornisce al bambino “mappe di significato temporanee” che gli permettono di dare un certo ordine al reale, finché l’acquisizione delle categorie razionali gli consentiranno di sostituire alla spiegazione magica della realtà quella scientifica. Grossa valenza è riconosciuta alla fiaba dal punto di vista psico-pedagogico per i meccanismi di identificazione e proiezione delle pulsioni negative che innesca, per la possibilità che offre di “risolvere” le problematiche infantili prendendovi la giusta distanza, poiché gli eventi drammatici – che rispecchiano il vissuto dei bambini – sono relegati in un tempo e in uno spazio lontani.

Durata del Laboratorio: quindici ore.


Pescara: frammenti di vita quotidiana

Il laboratorio “Pescara: Frammenti di Vita Quotidiana”  si rivolge ai bambini del secondo ciclo della scuola primaria.

Finalità
Il laboratorio si propone di sensibilizzare le giovani generazioni sull’importanza per  ciascun popolo del recupero delle tradizioni, e favorire la conoscenza e l’apprezzamento degli usi, costumi, tradizioni della città di Pescara.
Obiettivi formativi
• Sensibilizzare i bambini alla riflessione sulla storia della città di Pescara
• Favorire la conoscenza della storia di Pescara, l’apprezzamento e la conservazione del suo patrimonio
• Favorire la conoscenza degli usi, dei costumi, delle tradizioni della città di Pescara
• Evidenziare l’importanza di uno sguardo attento sul passato, per la costruzione consapevole di un futuro positivo
• Stimolare la formazione di un clima di accoglienza all’interno del gruppo
• Stimolare la valorizzazione delle differenze individuali
• Facilitare l’espressione e la condivisione delle emozioni
• Stimolare la capacità riflessiva e di analisi
• Agevolare la presa di coscienza e promuovere il potenziamento degli strumenti espressivi di cui si dispone
• Fornire l’occasione di una partecipazione attiva e creativa al patrimonio delle opere prodotte dall’umanità nel corso dei secoli

Finalità e modalità d’intervento
Il laboratorio si propone di offrire ai bambini un’incontro alternativo con la storia, e cioè non accademico e nozionistico, ma passionale ed empirico, al fine di “riportare in vita” - per mezzo dello strumento teatrale – eventi, usi, costumi, tradizioni, proverbi della città di Pescara. Le fonti storiche selezionate – con il corpo docente di riferimento, almeno trenta giorni prima dell’inizio dell’attività - saranno approcciate con le tecniche della lettura animata, della narrazione e dell’improvvisazione teatrale, al fine di concepire scene teatrali aventi per oggetto i fatti storici esaminati. L’ultima fase del lavoro è destinata all’allestimento di una dimostrazione di lavoro, ovvero alla rappresentazione teatrale delle scene ideate davanti al pubblico.

Durata del Laboratorio: venti ore


Viaggio sensazionale

Il laboratorio teatrale “Viaggio Sensazionale” si rivolge ai bambini della scuola primaria – con contenuti ed applicazioni adeguati all’età, quindi allo sviluppo e all’attività cognitiva degli utenti.

Obiettivi formativi
• Favorire la  conoscenza del proprio corpo e di quello altrui
• Favorire la conoscenza degli organi sensoriali
• Favorire l’acquisizione di sentimenti di fiducia – in sé e negli altri – e coraggio
• Stimolare il gusto dell’esplorazione
• Stimolare creatività e osservazione  fantastica del mondo
• Stimolare il gusto dell’ascolto e il piacere della narrazione
• Favorire l’acquisizione di un linguaggio fantastico, poetico e ricco di armonia
• Stimolare la formazione di un clima di accoglienza all’interno del gruppo
• Favorire il rispetto e l’accoglienza dell’alterità
• Stimolare la valorizzazione delle differenze individuali
• Facilitare l’espressione e la condivisione delle emozioni
• Agevolare la presa di coscienza e promuovere il potenziamento degli strumenti espressivi di cui si dispone

Finalità e modalità d’intervento
Il laboratorio si propone di accompagnare i bambini in un viaggio esplorativo, creativo e divertente, del corpo e dello spazio.
Con l’ausilio del gioco teatrale, il mondo circostante si trasformerà nel paese Ignoto, che potrà essere esplorato solo da chi d’ingegno e tatto è dotato.
Mediante il contatto tattile, visivo, gustativo, olfattivo e uditivo, in modo divertente i bambini esploreranno l’ambiente circostante, scoprendo le potenzialità e i limiti della percezione umana.

Durata del Laboratorio: quindici ore.


I perche’ di sofia*

Il laboratorio di sensibilizzazione al pensare filosofico “I perché di Sofia”* si rivolge ai bambini della scuola primaria – con contenuti ed applicazioni adeguati alla classe di appartenenza.

Obiettivi formativi
• Stimolare la formazione di un clima di accoglienza all’interno del gruppo
• Favorire il rispetto e l’accoglienza dell’alterità
• Stimolare la valorizzazione delle differenze individuali
• Facilitare l’espressione e la condivisione delle idee
• Facilitare l’espressione e la condivisione delle emozioni
• Stimolare creatività, riflessione e osservazione del mondo
• Stimolare il gusto dell’ascolto e il piacere della narrazione
• Promuovere l’interesse per la lettura
• Fornire l’occasione di una partecipazione attiva e creativa al patrimonio delle opere letterarie e filosofiche prodotte dall’umanità nel corso dei secoli
• Sostenere gli insegnanti nell’importante ruolo di mediatori tra il minore e il gruppo sociale

Finalità e modalità d’intervento
Nell’intento di valorizzare l’atteggiamento metafisico del bambino che in maniera del tutto naturale, sin dalla prima infanzia, si interroga sul perché di tutte le cose, nasce il progetto “I perché di Sofia”, la cui finalità è quella di sensibilizzare i minori al pensare filosofico: al gusto dell’esplorazione del pensiero, al fascino dell’indagine delle questioni universali che dall’origine dei tempi hanno costretto l’uomo alla pratica del pensiero. Il progetto nasce senza la pretesa di voler indirizzare i minori alla comprensione dell’Assoluto o delle grandi Verità, ma con l’intento di sensibilizzarli al dialogo, alla riflessione, all’apertura nei confronti dell’alterità, alla compassione e anche allo scontro verbale se necessario al sostegno delle tante Verità che puntellano l’esistenza: avventura soggettiva oltre che oggettiva, universale e nel contempo individuale. Nel tempo odierno, in cui le più salde Verità paiono frantumarsi allo stesso modo e con la stessa facilità delle più ovvie menzogne, il pensare filosofico inteso come disponibilità all’ascolto, allo scambio di idee, al cambiamento, all’accoglienza della diversità, all’esercizio del pensiero capace di trascendere il piano reale, si presenta come una grande risorsa per il minore, che non ancora cosciente della propria esistenza è esposto al mondo e alle questioni dell’Essere come un tenero germoglio alla forza del vento.
Durata del Laboratorio: quindici ore.

*PROGETTO EDUCATIVO IN COLLABORAZIONE CON LA CATTEDRA DI STORIA DELLA FILOSOFIA CONTEMPORANEA   ( FACOLTA’ DI SCIENZE DELLA FORMAZIONE DI CHIETI).